Spese di spedizione gratuite per acquisti superiori a 80,00 €
Servizio clienti +39 080 902 39 98
Carrello
0,00
Spese di spedizione gratuite per acquisti superiori a 80,00 €
Carrello
0,00
Olio su piatto
Ricetta spaghetti peperoni e mandorle

Spaghetti alla chitarra con pesto di peperoni e mandorle di Toritto – Chef Francesco Paldera

Spaghetti alla chitarra con pesto di peperoni e mandorle di Toritto
Chef Francesco Paldera

Ingredienti
per 4 persone
  • 240 g. di spaghetti alla chitarra
  • Olio extravergine di oliva Zurlo
  • 2 peperoni rossi
  • 2 cucchiai di Canestrato Pugliese DOP
  • 12 datterini gialli
  • 100 g. di mandorle di Toritto
  • 1 spicchio di aglio pulito
  • Basilico
  • Sale e pepe q.b.
Olio evo Zurlo

La cucina pugliese riserva molte sorprese se gli ingredienti tipici vengono utilizzati in modo sapiente e originale. Chef Francesco Paldera lo sa bene e con creatività e grande conoscenza delle materie prime riesce a trasformare piatti all’apparenza molto poveri in preparazioni uniche.

Oggi ci propone “Spaghetti alla chitarra con pesto di peperoni e mandorle di Toritto” utilizzando il nostro olio evo Zurlo che, con le sue note mandorlate e piccanti, si abbina divinamente alle mandorle e al peperone.

Scopriamo insieme come procedere:

Lava i peperoni e arrostiscili sul fuoco oppure in forno con placca e carta da forno a 200 gradi per 30 minuti.

Sforna e chiudi i peperoni in un foglio di carta stagnola così da favorire con il raffreddamento la loro spellatura.

Nel frattempo pela e tosta le mandorle in forno a 150° per 15 minuti.

Metti i peperoni spellati in frullatore e aggiungi la metà delle mandorle, le foglie di basilico, l’aglio, il Canestrato e l’olio evo Zurlo a filo.

Frulla fino a ottenere una bella crema densa, montata e chiara.Aggiusta di sale e pepe.

Cuoci gli spaghetti in abbondante acqua salata.

Scola gli spaghetti al dente e condiscili con il pesto di peperoni e mandorle.

Aggiusta di sale e pepe.

Servi con mandorle tostate intere oppure leggermente schiacciate, basilico, i pomodori datterini tagliati a metà e un filo di olio evo Zurlo.

Approfondimenti su
Chef Francesco Paldera